mercoledì 31 ottobre 2018

Al via il mese dei diritti 2018

Spettacoli, laboratori, proiezioni e tanto altro ancora. Sono oltre 100 gli appuntamenti sparsi per la città e creati a misura di bambini e bambine, famiglie ed educatori in occasione della terza edizione del “ Mese dei diritti”, che si svolgerà a novembre .

L’iniziativa è promossa dal Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Palermo, Pasquale D’Andrea che afferma: “ E’ fondamentale mettere in primo piano i bisogni dei ragazzi e delle ragazze, non tanto in un’ottica futura quanto presente, e renderli attori principali nel palcoscenico della propria città. I temi che quest’anno andremo ad affrontare – continua D’Andrea– sono: la diffusione della cultura dei diritti; la promozione del turismo familiare e il contrasto alla povertà educativa. Temi fondamentali che vanno promossi e condivisi per trovare insieme strategie e obiettivi comuni nell’intento di costruzione una Comunità accogliente ed educante”.

Novembre rappresenta il mese in cui è stata firmata la Convenzione ONU di New York nel 1989, ratificata in Italia con legge 176 del 27 maggio 1991, che riconosce i bambini e le bambine come soggetti di diritto.

L'iniziativa è stata presentata mercoledì 31 ottobre 2018 presso il Teatro Garibaldi di Palermo. 

Ecco gli appuntamenti principali:

Tavoli di confronto. Sono in tutto 5 i tavoli di confronto dove saranno trattati 5 ambiti di intervento: diritti civili; ascolto partecipazione; ambiente familiare; salute e sicurezza; educazione cultura sport. I temi sono relativi alle condizioni di benessere ideale per tutti i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze. Ad ogni tavolo, aperto agli addetti ai lavori e ai singoli cittadini, non ci saranno degli “esperti” ma ognuno dei partecipanti è chiamato a dare la propria visione futura rispetto alla tematica e alla programmazione dei lavori per gli anni a seguire.

Laboratori pensati per gli adolescenti.
Quattro incontri dedicati agli adolescenti, per ascoltare la loro opinione, sentire le loro esigenze e soprattutto per individuare delle strategie comuni.

Festa all’Ecomuseo del Mare, Martedì 20 Novembre. Un pomeriggio di festa, giochi, animazione e divertimento per festeggiare la “Giornata mondiale dell’infanzia e dell’adolescenza “.

Incontri in ogni circoscrizione. Otto incontri nelle 8 Circoscrizioni di Palermo per raccogliere, elaborare e mettere a sistema le risorse del territorio utili al sostegno dei “Comitati educativi” .

Più di 100 attività rivolte ai bambini e alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze ma anche alle famiglie, sparse per la città, per tutto il mese di novembre. (FONTE ilsicilia.it)

Sarà possibile seguire gli appuntamenti sul sito www.garanteinfanzia.comune.palermo.it e sulla pagina Facebook GaranteInfanziaAdolescenzaComunePalermo.

giovedì 13 settembre 2018

A Palermo un Seminario Esperienziale sull'Intelligenza Emotiva

Emotion-wise "percorsi per il tuo benessere", in collaborazione con ALP, Kamaleonte, Arciragazzi Palermo e Comune di Palermo (Assessorato alla Scuola, salute, politiche giovanili, lavoro e Ufficio del Garante per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza), organizzano un Seminario esperienziale dal titolo:"Intelligenza emotiva, Mindfulness e oli essenziali", che si terrà il prossimo 20 ottobre 2018 presso la REAL FONDERIA DELLA CALA, p.zza Fonderia a Palermo.

Le emozioni giocano un ruolo fondamentale nelle nostre decisioni, comportamenti e benessere, soprattutto a livello inconscio. Il Forum Economico Mondiale nel 2016 ha individuato l’intelligenza emotiva come una delle 10 competenze chiave per il futuro, per saper vivere in questo nostro mondo che cambia così velocemente.

Questo seminario esperienziale, rivolto principalemente ad educatori, insegnanti e genitori, ha l'obiettivo di far conoscere come la chimica delle emozioni e dei pensieri – alla base dell’intelligenza emotiva – hanno un impatto sul  corpo e il  benessere.


La giornata si svolge in 3 sessioni durante tutto l’arco della giornata con alternanza di presentazioni teoriche e momenti esperienziali secondo il seguente programma:

9:00 registrazione
9:30 Cosa è l’intelligenza emotiva e come funziona
11:30 coffee break
12:00 Relazione tra intelligenza emotiva, mindfulness e oli essenziali
13:30 pausa
15:00 Come integrare Mindfulness ed oli essenziali nella routine quotidiana
17:30 chiusura

Facilitatrici del seminario saranno Paola Bortini e Angelica Paci consulenti e formatrici di EMOTION-WISE

La partecipazione al seminario prevede un contributo di 40€ che comprende la partecipazione al seminario, il rilascio di un attestato di partecipazione, materiali didattici ed informativi e coffee break. Durante la giornata, inoltre, saranno utilizzati prodotti fair trade e biologici nel rispetto della natura, l’ambiente e le persone.

Il 25 % del contributo versato dai partecipanti verrà devoluto al Ciai – Centro Italiano Aiuti all’Infanzia, a sostegno della soluzione abitativa per migranti neomaggiorenni “Casa S. Chiara”, avviata nell’ambito del Progetto “Ragazzi Harraga. Processi di inclusione sociale per minori migranti non accompagnati nella città di Palermo”, che partecipa all’iniziativa “Never Alone. per un domani possibile”.

Per maggiori dettagli clicca qui



lunedì 2 luglio 2018

La città in tasca: arriva l'evento finale!


Un momento delle attività
della Città in tasca
Si conclude a Piazza Magione, Palermo, il percorso di riqualificazione urbana che ha visto come protagonisti i bambini e le bambini della I e della VII Circoscrizione.

La Città in Tasca è un laboratorio di animazione, articolato in diverse fasi e realizzato con il supporto delle studentesse del Dipartimento di architettura dell'Università degli studi di Palermo che, attraverso gli strumenti utilizzati in urbanistica "passeggiata di quartiere" e "planning for real", hanno dato l'opportunità ai giovani partecipanti di re-interpretare e immaginare con una destinazione d'uso differente, alcuni spazi dei loro quartieri.

Questo processo di partecipazione, realizzato con il metodo del gioco e dell'animazione, è fondato sull'idea di città non solo intesa come spazio di vita, ed in quanto tale con una sua storia, una sua cultura, delle sue condizioni ambientali, ma anche come luogo in cui esercitare il proprio diritto di cittadinanza.

Il progetto si sta realizzando grazie al lavoro dei volontari di Arciragazzi Palermo, con il supporto delle studentesse del Dipartimento di Architettura e il coinvolgimento dei volontari delle associazioni Consultorio dei diritti M.I.F. (minori, immigrati e famiglie), Handala e Casa di Paolo con il supporto  del Centro Servizi per il Volontariato di Palermo.

Un altro momento delle attività della Città in tasca

Il 13 luglio 2018, dalle 16, nella splendida cornice del prato di Piazza Magione a Palermo (vicino il campo di calcetto) i bambini coinvolti nelle due circoscrizioni, assieme agli operatori, presenteranno  i loro progetti di urbanistica alla cittadinanza e alle Istituzioni invitate.

I risultati di questo percorso, dopo l'evento del 13, verranno presentati ai comitati educativi territoriali della città per provare a contribuire attivamente a rendere Palermo una città a misura di bambino.



mercoledì 13 giugno 2018

A Palermo ritorna "La città in tasca"

I bambini e le bambine protagonisti di un progetto di riqualificazione urbana nella prima e nella settima circoscrizione della Città di Palermo.

Dal 18 giugno al 13 luglio 2018 Arciragazzi Palermo, in collaborazione con l'Università degli Studi di Palermo - Dipartimento di Architettura, l'associazione Handala, il Consultorio dei diritti MIF e la Casa di Paolo, con il supporto del CeSVoP Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo, organizza un percorso di progettazione urbanistica con le bambine ed i bambini della Prima e della Settima Circoscrizione di Palermo.

La Città in Tasca è un laboratorio, articolato in diverse fasi e realizzato con il grande supporto delle studentesse di architettura che, attraverso gli strumenti utilizzati in urbanistica "passeggiata di quartiere" e "planning for real", daranno l'opportunità ai giovani partecipanti di re-interpretare e immaginare con una destinazione di utilizzo differente, alcuni spazi del loro quartiere. 

Questo processo di partecipazione, realizzato con il metodo del gioco e dell'animazione, è fondato sull'idea di città non solo intesa come spazio di vita, ed in quanto tale con una sua storia, una sua cultura, delle sue condizioni ambientali, ma anche come luogo in cui esercitare il proprio diritto di cittadinanza.


In tal senso, diventa importante trasferire, attraverso assemblee e lavori in gruppo, il processo partecipativo che è alla base della costruzione di democrazia. Significa inoltre dare cittadinanza ai bambini, offrire la possibilità di pensarsi come soggetti aventi diritti e responsabilità.

Il principio che sta alla base di questo percorso è la motivazione: i bambini e i ragazzi possono affrontare e risolvere problemi complessi se sono motivati e se li ritengono “loro”. Se ai bambini si riescono a porre nei giusti termini i vari livelli di un progetto che li coinvolge (e trovare questi “giusti termini” è compito degli adulti!), essi potranno dimostrare competenza.


Questo tipo di esperienza nasce negli anni ‘80 con "Arciragazzi Comitato di Roma Onlus" per promuovere spazi urbani sempre più a misura di bambino. A Palermo è stata sperimentata la prima volta dai volontari di Arciragazzi nel 2001 e, negli anni, è diventata un appuntamento fisso a conclusione delle attività associative che si sono sempre svolte nel quartiere Borgo Nuovo, sede della ludoteca dell'associazione.

Quest'anno, grazie al supporto del CeSVoP e alla rete associativa composta da Handala, La Casa di Paolo e Consultorio dei diritti MIF, l'evento coinvolgerà attivamente la prima e la settima circoscrizione della città di Palermo.

I risultati dell'esperienza verranno presentati ai comitati educativi territoriali della città per contribuire attivamente a rendere Palermo una città a misura di bambino.


Si parte con la formazione degli operatori: 18, 19, 21 e 22 giugno, dalle 16 alle 19, presso la sede della delegazione CeSVoP di Palermo, in via Pizzetti 10 i volontari di Arciragazzi Palermo, formeranno gli operatori che si sperimenteranno in questo percorso.

Successivamente, partiranno le azioni di progettazione partecipata nelle due circoscrizioni coinvolte: dal 26 giugno, per 6 incontri, presso "La casa di Paolo", via Vetriera 57 dalle 16 alle 19 e dal 5 luglio, sempre per 6 incontri, presso l'associazione "Handala", in via Rocky Marciano 15 (Scala I) dalle 16 alle 19. Si tratta dell'attività sul territorio, dove i bambini coinvolti, attraverso attività ludiche, momenti di confronto e laboratori, daranno vita a due progetti di riqualificazione urbana di due aree del loro quartiere con il supporto degli operatori.

Il 13 luglio grande festa conclusiva: i bambini coinvolti nelle due circoscrizioni, assieme agli operatori, presenteranno i loro progetti di urbanistica alla cittadinanza in uno spazio pubblico al momento ancora da individuare.


Chiunque fosse interessato a partecipare a questa esperienza può contattare l'associazione Arciragazzi Palermo al numero mobile 338 315 27 60 (Ref. Romina Vivona)

martedì 12 giugno 2018

Non facciamoci, ancora una volta, rubare le parole: Arciragazzi Palermo aderisce alla mobilitazione in favore dei profughi dell'AQUARIUS

Anche i volontari di Arciragazzi Palermo fra le migliaia di persone che hanno manifestato la loro solidarietà per l'AQUARIUS, l'imbarcazione di SOS MEDITERRANEE con a bordo 629 migranti, tra cui 123 minori non accompagnati, 11 bambini e 7 donne incinte, alla quale il Governo italiano ha negato lo sbarco e che si trova ancora in alto mare in cerca di un approdo sicuro. Infatti, nonostante la disponibilità del Governo spagnolo, il comandante della nave ha dovuto stanotte rifiutare l'offerta perché le condizioni dei passeggeri e le avverse condizioni meteo che stanno arrivando sul mar Mediterraneo, non consentono di fare ancora tutte le miglia che separano la nave, che in questo momento si trova tra la Sicilia e Malta, da Valencia.

Quella di ieri sera, organizzata in pochissime ore, è stata una marcia silenziosa con momenti di raccolta per ribadire che Palermo è una città che non vuole negare il Diritto alla Vita a nessun essere umano. Un porto aperto dove hanno sfilato in centinaia con striscioni ribadendo tutti che LE FRONTIERE UCCIDONO.


Anche i volontari di Arciragazzi Palermo hanno preso parte a questa marcia di solidarietà, che ha visto la partecipazione del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, alcuni Assessori, la Cledu, la Cgil, Sinistra Comune, Sinistra Italiana, Rifondazione e Potere al Popolo, i missionari comboniani, il Centro Astalli, le associazioni della rete dell'accoglienza come l'Arci Porco Rosso.


Anche i volontari di Arciragazzi Palermo prendono posizione in merito: "No, mi spiace, non parla alla pancia degli italiani; piuttosto parla all'ultimo tratto dell'intestino e ne solletica i vermi. È da quel verminaio che esce fuori lo schifo e la violenza!" - in riferimento alle dichiarazioni fatte per motivare le decisioni prese dal nuovo Governo riguardo le manovre sull'emergenza immigrazione - "La pancia è un'altra cosa, la pancia racconta le emozioni, quelle che legano e narrano vite e storie delle persone. Non facciamoci, ancora una volta, rubare le parole: sono la nostra forza contro le brutture."

Arciragazzi, coerentemente alla propria mission, impegnata da oltre 30 anni nella promozione e nella tutela dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, sarà sempre in prima linea per contrastare le scelte dell'attuale governo in materia di immigrazione: non si possono intraprendere linee così dure e intransigenti partendo dalla pelle degli immigrati, molti di loro peraltro minorenni. I diritti umani, sopratutto quelli dei bambini, devono essere esigibili indipendentemente dalla latitudine di provenienza.


lunedì 4 giugno 2018

Arciragazzi saluta Pino Pennisi

Stamattina ci siamo svegliati con una tristissima notizia: Pino Pennisi non è più con noi! lo storico presidente di Arciragazzi Siracusa è andato via nella notte fra il 3 e il 4 giugno.

Personaggio notissimo a Siracusa per la sua attività di cantastorie e divulgatore della lettura tra i bambini, Pino Pennisi è stato l’animatore di decine di iniziative rivolte al mondo dell’infanzia. Con Arciragazzi e con la Biblioteca comunale ha organizzato e animato centinaia di appuntamenti dedicati ai più piccoli. 


Pino se ne è andato con grande umiltà e dignità. In silenzio e discrezione. Tutti sapevamo della sua terribile malattia, della sua battaglia che lui conduceva con coraggio e tenacia.

"Pino Pennisi è stato fra i primi in Sicilia a credere, tantissimi anni fa, nella nostra associazione, dimostrando, da subito, di aver trovato una casa per la sua passione per il volontariato e le convinzioni politiche e sociali";  a parlare è Camillo Cantelli, Presidente nazionale Arciragazzi, che nel ricordare l'operato di Pino aggiunge: "Il suo contributo è stato fondamentale in Sicilia per lo sviluppo di una nuova attenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. Le sue azioni, i tanti volontari e volontarie che ha cresciuto, il suo agire politico, sono l'eredità che ci consegna".

Anche Lino D'andrea, attuale Garante dei diritti dell'Infanzia e dell'adolescenza del Comune di Palermo e storico presidente di Arciragazzi Palermo, si unisce al cordoglio per la perdita di una figura così autorevole nel panorama del volontariato siciliano: "Abbiamo perso un compagno di battaglie ma continueremo il nostro cammino anche per lui". Lino D'andrea ha condiviso con Pino tantissime attività e iniziative tra le quali, la costituzione, nel 2001 di Arciragazzi Sicilia, organismo regionale dell'associazione che oggi conta più di 10 affiliati in tutta la regione.

Proprio l'attuale presidente di Arciragazzi Sicilia, Patrizia Opipari, aggiunge: "Sono profondamente rattristata per la perdita di Pino, lo scorso aprile abbiamo organizzato il Congresso Regionale Arciragazzi proprio a Siracusa per stare vicino a lui. Tanti e tante sono stati i giovani  cresciuti sotto l'esempio di Pino, alcuni di loro sono adesso dirigenti di organizzazioni nate per portare  avanti gli stessi valori di Arciragazzi, un saluto particolare alla moglie Carmen e al figlio Renato".

Tante le parole in ricordo di Pino e del suo impegno sociale e politico sopratutto da parte dei volontari di Arciragazzi Siracusa che con lui sono cresciuti:

"Pino, le tue storie ed il tuo esempio sono e saranno sempre come un faro. Anche quando tutto sembra perduto dobbiamo tenere bene a mente che se siamo nella verità nulla dobbiamo temere" Alessandro Bottaro.

"Sei stato, oltre ai miei genitori, fra le pochissime persone che sono state per me un modello ed un esempio da seguire. È grazie a te se oggi l’educazione per i bambini è parte integrante della mia vita" Salvo Corso.

"Ciao Pino, grazie per tutto quello che mi hai insegnato e per le belle esperienze che grazie a te ho fatto. Grazie per aver colorato di emozioni le nostre vite, questa città e le vite di migliaia di bambini che hanno avuto la fortuna di conoscerti e di sperimentare la gioia e la meraviglia di "crescere giocando". Mi e ci hai lasciato una grande responsabilità, quella di continuare a fare ciò che con amore, passione, entusiasmo, correttezza, lealtà, determinazione e una bella dose di testardaggine hai sempre fatto" Tiziana Biondi.

"Manchi già tanto da un po’ di mesi...il tuo vuoto più volte ha tuonato forte ma oggi hai spezzato le nostre speranze. Sei stato forte anche in quest’ultima battaglia. La valigia che ci hai donato con le tue letture i tuoi insegnamenti è infinita di tanto lavoro che continueremo con tutte le nostre forze. Non sarà x niente facile..Arciragazzi perde tanto... Siracusa perde tantissimo.. la Sicilia ed il nazionale idem. Cercheremo di portare avanti le tante lotte fatte insieme, hai cambiato la visione di vedere il mondo dell’infanzia e adolescenza della tua città..spero che tutti ne facciano tesoro..hanno provato a distruggerci e non ci sono riusciti e mai ci riusciranno" Zuimama Arciragazzi.

Stasera, 4 giugno 2018 ore 20 veglia a Bosco Minniti (Siracusa). I funerali saranno domani ore 15:30 presso la chiesa di Bosco Minniti.

Grazie Pino, ricorderemo sempre il tuo sorriso e la tua voglia di giocare, un abbraccio da Arciragazzi!! 

giovedì 19 aprile 2018

E' tempo di dichiarazione dei redditti...sostieni Arciragazzi Palermo con il tuo 5x1000

Arciragazzi Palermo è un'associazione di volontariato impegnata da 27 anni in città nella promozione e nella tutela dei diritti dei bambini, delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze.

Sostieni le nostre attività e le nostre iniziative devolvendo il 5x1000, non costa nulla, basta inserire il codice fiscale 97058830825 nella prossima dichiarazione dei redditi.

Con il 5x1000 sosterrai il progetto "Riscopriamo i quartieri: dall'ascolto alla partecipazione" che vedrà impegnati i nostri volontari in attività di strada per raccogliere, attraverso il gioco, idee e proposte dei bambini, delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze per una città sostenibile e inclusiva.

Le proposte saranno presentate alle amministrazioni locali al fine di sperimentare nuove forme di cittadinanza attiva e di valorizzazione dei beni comuni a Palermo.